COVID-19: Domande e risposte con Christian Marcazzo

1. La COVID-19 ha avuto un effetto a catena sulle aziende di tutti i settori. Come ha influenzato il settore dell'informatica scientifica?

Il COVID-19 ha creato un vero e proprio divario tra le organizzazioni che sono veramente "abilitate al digitale" e quelle che non lo sono. Quelle abilitate al digitale hanno visto una continuità o un'accelerazione nelle loro attività di ricerca e sviluppo. Quelle che operano ancora su carta ed Excel, invece, faticano ad adattarsi alla nuova normalità e non riescono a scalare gli investimenti in R&S nella ricerca di terapie e/o vaccini COVID-19.

2. Come ha risposto IDBS a questa sfida?

La nostra prima attenzione è stata rivolta alle nostre persone e ai nostri clienti. I nostri collaboratori lavorano tutti da casa dal 16th A marzo abbiamo messo a punto strumenti e programmi per aiutarli a conciliare il loro lavoro con le altre sfide derivanti dalla pandemia.

Il passaggio al lavoro da casa è stato un test per i nostri piani di continuità aziendale. Nel mese di marzo abbiamo raggiunto un uptime di 99,96% per gli ambienti SaaS dei nostri clienti, il che significa che i nostri clienti hanno potuto contare su The E-WorkBook Cloud per sostenere le loro attività di R&S. Soprattutto, tra la fine di marzo e l'inizio di aprile stiamo vedendo gli accessi dei clienti ai livelli precedenti al blocco. Questo significa molto per la nostra attività: ci rende consapevoli del fatto che il nostro software continua a supportare le attività di R&S dei nostri clienti e che stiamo svolgendo il nostro ruolo a sostegno della ricerca di una terapia e di un vaccino.

3. A causa dell'allontanamento sociale, le aziende hanno dovuto modificare il loro modo di lavorare. Quali cambiamenti ha apportato IDBS a causa del blocco?

Oltre al fatto che tutti lavorano da casa, abbiamo dovuto adattare diversi processi aziendali che prima si basavano su interazioni faccia a faccia. Per esempio, il nostro team dei servizi di formazione ha adattato una serie di corsi di formazione che erano stati erogati solo in aula per essere erogati online; e una serie di workshop di revisione dei processi aziendali che si sarebbero dovuti tenere di persona ora si svolgono online con i nostri clienti e prospect.

4. Il morale del team è importante, soprattutto in un periodo di isolamento dai colleghi. Come fa IDBS a tenere alto il morale del team in questi momenti difficili?

Innanzitutto, abbiamo incoraggiato una cultura della sperimentazione e dell'innovazione "dal basso" tra i nostri dipendenti. Questo ha portato a club virtuali di corsa e ciclismo, quiz nei pub, sessioni del mercoledì del benessere, incontri a pranzo e raccolte di fondi per beneficenza; e c'è un canale Slack attivo pieno di foto e battute.

In secondo luogo, stiamo istruendo e incoraggiando i nostri responsabili del personale ad assicurarsi che restino vicini alle persone che fanno parte dei loro team. Forniamo permessi aggiuntivi ai nostri collaboratori nel caso in cui si ammalino, debbano assistere parenti malati o abbiano bisogno di tempo per sostenere l'istruzione a casa dei loro familiari a carico; ma è importante che si colgano i segnali di stanchezza o frustrazione e che si aiutino le persone ad avvalersi di ciò che è disponibile quando ne hanno bisogno.

5. Le opportunità di incontrare i nostri clienti faccia a faccia sono limitate. Come fa IDBS a risolvere il problema per garantire una comunicazione e un'assistenza costanti?

Prima della pandemia, il nostro lavoro di assistenza e servizi veniva svolto in gran parte da remoto, quindi questa parte della nostra attività non è cambiata molto. Da quando siamo passati al lavoro da casa, abbiamo registrato un aumento del coinvolgimento dei nostri Customer Success Manager e stiamo lavorando a stretto contatto con ciascuno dei nostri clienti per capire come la COVID-19 stia influenzando le loro priorità di ricerca e sviluppo e come IDBS possa di conseguenza essere il miglior partner dei nostri clienti.

6. Crisi come la COVID-19 possono far emergere il meglio di noi. Avete vissuto un'esperienza che vi ha scaldato il cuore o ispirato?

All'interno della nostra attività, vediamo nascere nuovi legami. Il passaggio al lavoro da casa ha abbattuto le barriere geografiche tra uffici e paesi. I collaboratori di IDBS stanno creando nuove connessioni interne e vedo che questo ha già un impatto positivo sulla comprensione dei nostri prodotti e dei nostri clienti.

Ho anche visto molti dipendenti di IDBS esprimere la loro gratitudine per il fatto che lavoriamo in un'azienda che continuerà a operare durante il blocco e che fa qualcosa di significativo per i nostri clienti e per i pazienti e i consumatori di tutto il mondo. Molti dei nostri collaboratori hanno riconosciuto questa fortuna e hanno scelto di sostenere gli enti di beneficenza della loro comunità che si occupano dei problemi urgenti derivanti dalla COVID-19.

7. Cosa possiamo imparare da questa pandemia?

Abbiamo già imparato molto sulla nostra capacità di adattarci e di servire i nostri clienti. Alcuni di questi insegnamenti riguardano la qualità dei sistemi informatici e dei piani di continuità operativa in cui abbiamo investito; altri riguardano semplicemente l'adattabilità della nostra specie alle nuove sfide.

Come società, abbiamo anche imparato molto sul valore di molte cose su cui facciamo affidamento più che mai: i nostri sistemi sanitari, i dipartimenti di sanità pubblica, i servizi postali, ecc. e stiamo acquisendo nuove conoscenze sul valore delle cose che ci mancano: scuole, luoghi di cultura, ristoranti, ecc.

Credo che continueremo a imparare su diversi fronti:

  1. Il ruolo che la digitalizzazione può svolgere nel mantenere la continuità aziendale e la produttività della R&S quando gli approcci alla R&S cambiano a causa di fattori esterni come una pandemia, o interni come un cambiamento di strategia.
  2. Quali attività traggono veramente vantaggio dall'impegno in loco, di persona, con i nostri clienti, e come altre attività possono passare a riunioni virtuali.
  3. Il valore del SaaS e del Cloud; un'ulteriore accelerazione del passaggio dai data center interni a vere e proprie soluzioni SaaS.

COVID-19 e IDBS con Christian Marcazzo, Vicepresidente e Direttore generale